Kopf SVV-Mitgliedschaft Breite einstellen

Die SVV heisst seit 2014: Swissveg

Unsere neue Homepage finden Sie hier: www.swissveg.ch


Seite veraltet!
Diese Seite wird nicht mehr aktualisiert! Unsere aktuellen Infos finden Sie auf unserer neuen Homepage: Swissveg.


Diese Seite wird nicht mehr aktualisiert.
Wir heissen seit 2014 Swissveg und sind nun hier zu finden: www.swissveg.ch

Obiezione al vegetarismo:

Il vegetarismo crea disoccupazione?

Si sente spesso dire che:

Se tutti smettessimo di mangiare carne, ciò avrebbe conseguenze catastrofiche per l’industria ad essa collegata, perché così facendo una gran parte dei lavoratori impiegati in questo settore si troverebbero di colpo disoccupati.

Ma  questa affermazione necessita di alcune rettifiche:

1. Ogni volta che la civiltà fa dei passi avanti ci sono vincitori e vinti:

2. È alquanto improbabile che tutti arrivino a nutrirsi in modo esclusivamente vegetariano. Sarebbe quindi  più che sufficiente che l’industria della carne si adattasse alla domanda di mercato, e, che nel futuro, si concentrasse sulla qualità invece che sulla quantità. Visto che l’industria della carne (come nell’economia pianificata dei vecchi Stati dell’Europa dell’Est) è stata abituata ad incassare milioni  in sovvenzioni statali commisurate alle grandi quantità prodotte, la prospettata conversione esige un’impostazione radicalmente nuova sia dell’industria della carne nel suo complesso che delle scelte politiche in merito  alle sovvenzioni statali. Entrambi questi fatti porterebbero sicuramente molti vantaggi. Abbandonarsi ciecamente alle sovvenzioni statali – ignorando così i cambiamenti reali del mercato – alla lunga conduce solo a degli svantaggi per tutte le parti coinvolte. Inoltre, anche l’industria della carne ha cominciato da tempo ad adattarsi alle evoluzioni del mercato, offrendo delle alternative.

3. Il passaggio di gran parte della popolazione ad uno stile di vita vegetariano è un processo lento ma da tempo pronosticabile. Poiché l’industria della macellazione lotta in ogni caso, già da qualche tempo, con i problemi connessi alle nuove leve, dovrebbe soltanto abbandonare gli sforzi tesi ad occupare quanti più possibili posti da apprendista e, conseguentemente, potrebbe adattarsi gradualmente al diminuito consumo di carne. Ciò non avrebbe, come conseguenza, alcun licenziamento di massa.

4. In questi nostri frenetici tempi moderni  cambiare lavoro non è più un evento eccezionale, e può quindi prevedibilmente riguardare, come già avviene per altre categorie di lavoratori, anche chi opera nel settore della carne. In un’economia di mercato ogni ramo dell’industria si deve adattare continuamente alle esigenze del mercato stesso. Non serve a nulla tentare di ignorare  le reali condizioni del mercato e imporre i propri prodotti con tutti i mezzi. Sarebbe una strategia manageriale piuttosto miope.

Renato Pichler

Traduzione italiana di Simone Buttazzi