Kopf SVV-Mitgliedschaft Breite einstellen

Die SVV heisst seit 2014: Swissveg

Unsere neue Homepage finden Sie hier: www.swissveg.ch


Seite veraltet!
Diese Seite wird nicht mehr aktualisiert! Unsere aktuellen Infos finden Sie auf unserer neuen Homepage: Swissveg.


Diese Seite wird nicht mehr aktualisiert.
Wir heissen seit 2014 Swissveg und sind nun hier zu finden: www.swissveg.ch

Obiezione al vegetarianesimo:

Dal punto di vista biologico l’uomo è vegetariano?

Tesi:

La questione se sia giusto o sbagliato mangiare carne non si pone nemmeno, in quanto l’uomo non è vegetariano anche da un punto di vista puramente biologico.

Rettifica:

Da un punto di vista biologico l’uomo non è tante cose, per esempio non è nemmeno un utente telefonico, un portatore di occhiali, o un lettore di libri. Biologicamente siamo uomini dell’età della pietra, da almeno 30000 anni assolutamente immutati dal punto di vista organico, vale a dire come specie. Dall’età della pietra qualcosa tuttavia è mutato: oggi possiamo telefonare, portare occhiali e leggere libri, e questo non sembra essere una contraddizione. Per lo meno non ho ancora sentito nessuno dire: "Perché stai leggendo un libro, nell’età della pietra non lo facevamo!"

Esistono inoltre anche molte cose innaturali che siamo convinti di dover fare. Se per esempio un bambino ha un’appendicite che, non curata, lo porterebbe alla morte, riteniamo di doverlo operare, anche se questa è chiaramente una cosa estremamente innaturale; è palese che dal punto di vista biologico l’uomo non è nemmeno un chirurgo: a questo scopo necessita infatti di tutta una serie di strumenti artificiali.

Il motivo per cui non ha senso stabilire l’essenza dell’uomo su base biologica è molto semplicemente che non è la base biologica a costituire l’essenza dell’uomo, bensì quello che l’uomo fa di questa. L’intero sviluppo umano a partire dall’età della pietra non è biologico, bensì psicologico: tutto ciò in cui oggi ci distinguiamo dall’uomo dell’età della pietra, dal lavarci i denti al riconoscimento dei diritti umani, non è una conseguenza di un destino biologico, bensì il risultato di uno sviluppo culturale.


Questo è un estratto dal libro tascabile di Helmut Kaplan «Banchetto funebre - Motivi etici di un’alimentazione vegetariana», ISBN 3-499-19513-5, pag. 187f (disponibile solo in tedesco).

Homepage dell’autore: Diritti degli animali.

Vedi anche il foglio informativo della SVV: Confronto anatomico: frugivori contro carnivori

Traduzione in Italiano di Jessica Boveri Ithunn@rocketmail.com

Last update of this page: 18.8.2006

[nach oben


   
© Swissveg (ehemals: Schweizerische Vereinigung für Vegetarismus (SVV)) | www.swissveg.ch | Impressum